Controtendenza

Parlavamo della disastrata Scuola Pubblica giusto un post fa, per darvi conto delle misure adottate a Mogliano, e ci lamentavamo del fatto che stanno depauperando questa preziosa istituzione divenuta ormai quasi solo bersaglio di tagli indiscriminati. Bene: siamo costretti a rettificare, e lo facciamo entro le famigerate 48 ore previste dalla “Legge Bavaglio” per i blog, equiparati da questo punto di vista a testate giornalistiche. Come vedete, ligi al dovere, ci allineiamo alla legge prima ancora che sia approvata!

E’ infatti appena uscito l’annuale dossier del Ministero dell’Istruzione (Pubblica ormai non più): un voluminoso malloppo di ben 342 pagine dal titolo “La scuola statale  –  sintesi dei dati, anno scolastico 2009/2010“. Riporta tutti i dati dell’anno scolastico appena terminato.

Da questi dati si evince che i tagli ci sono stati: citiamo un illuminante passo di Salvo Intravaia che ci è appena pervenuto:

“Nel triennio 2009/2012 spariranno 133 mila cattedre per un totale di 8 miliardi di euro. Ma non solo: l’incremento degli alunni disabili (da 175.778 a 181.177 unità) è stato fronteggiato con un taglio netto di oltre 300 cattedre di sostegno. Quasi 37 mila alunni in più sono stati stipati in 4 mila classi in meno. E sono diminuiti persino i plessi scolastici: 92 in meno. È toccato al personale della scuola pagare il prezzo più alto al risanamento dei conti pubblici. In un solo anno gli insegnanti di ruolo sono calati del 4%, senza nessun recupero da parte dei precari che hanno dovuto salutare quasi 14 mila incarichi con relativo stipendio. Per non parlare del personale di segreteria, dei bidelli e dei tecnici di laboratorio: meno 6% in 12 mesi”

Dunque avevamo detto il vero prima, ed allora perchè rettificare?! Per il semplice motivo che, pur senza dirlo esplicitamente, lasciavamo intendere che sulla Scuola Pubblica hanno gravato solo tagli ed invece si tratta di una assoluta falsità: ci sono dati in contro tendenza che dimostrano aumenti nell’investimento dello Stato in questo settore! Per cui ci scusiamo e procediamo immediatamente a completare il quadro per darvi un’informazione completa ed equilibrata!

Gli insegnanti di Religione Cattolica Apostolica Romana (con tanto di “idoneità rilasciata dall’ordinario diocesano”), hanno infatti raggiunto la cifra record di 26.326 unità nell’anno scolastico 2009/10: quasi 14 mila prof di ruolo, in leggera flessione rispetto a 12 mesi fa, abbondantemente compensati dai precari che risultano essere 12.446.

Ora forse il disegno strategico si fa più chiaro: non abolire la Scuola Pubblica, ma trasformarla in Scuola Confessionale sostituendo un po’ alla volta i docenti scelti tramite concorso con quelli scelti direttamente dalla Curia.

Furbi eh?!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: