4 giorni dopo la Giornata della Memoria

Il sindaco Azzolini e l’assessore Copparoni si inalberano con pubblica stizza in una news di precisazione sul sito del comune dove affermano tra l’altro che “è dovere di chi informa, prima di diffondere notizie tendenziose e strumentalizzabili, verificare la verità dei fatti. Consapevoli, leggendo il sopra citato articolo, che ciò non è avvenuto, si ricorda che il Giorno della Memoria sarà celebrato dall’Amministrazione di Mogliano Veneto con due appuntamenti“.

Dopodichè sciorinano un programma che si articola il 31 gennaio (quattro giorni dopo e fosse sabato ci sarebbe un motivo, ma è lunedì…) ed il 2 febbraio (6 giorni dopo) e che pare un po’ improvvisato anche considerando il fatto che la news che avrebbe dovuto presentarlo appare sul sito del comune lo stesso mercoledì 26 gennaio alle 14.20 ovvero poco più di un’ora prima della news di puntualizzazione ed a sole 9 ore e mezzo dall’inizio della Gironata della Memoria vera e propria.

Che se ne fossero dimenticati ed abbiano fatto i salti mortali per recuperare? Macchè: siamo i soliti maligni, si sa che i komunisti hanno il dente avvelenato….

Vedere l'originale sul sito del comune (nuova finestra)Guardate però l’immagine che accompagna la presentazione delle iniziative (la carichiamo qui a fianco nel caso la modificassero sul sito) ed andate a confrontarla con quella che potete trovare qui, sul sito del comune di Portogruaro: non notate una vaga somiglianza?!

Come dite: sono diverse? Si, è vero: siamo noi che non abbiamo occhio per certe cose… In quella del nostro comune manca lo stemma del comune di Portogruaro!

Quella di Portogruaro (tra l’altro) è tratta dalla locandina degli eventi organizzati dallo stesso comune che può essere scaricata dalla pagina indicata sopra o direttamente cliccando QUI.

Non sappiamo se il Comune di Portogruaro abbia usato un’immagine originale oppure sia andato a sua volta alla ricerca su internet (la stessa immagine appare anche su siti liguri e non solo), quello che sappiamo per certo è che i 20mila euri recentemente aggiunti al capitolo “Comunicazione istituzionale” in fase di aggiustamento di bilancio, non sono andati per studiare una grafica originale per questo evento.

Sappiamo inoltre che le puntualizzazioni dell’amministrazione non sarebbero state necessarie se il programma fosse stato pubblicizzato (non diciamo pensato per non sembrare maligni!) un po’ prima delle 14.20 del 26 gennaio.

PS1: voi riuscite a trovare traccia di delibera sull’organizzazione di questi eventi? Noi non ci siamo riusciti, certamente perchè non avevamo sufficiente tempo da dedicarci!

PS2: Approfittiamo per ricordare che questa sera, a partire dalle 20.45 circa, presso il Centro Giovani (nel Parco Primavera, dietro le piscine di via Barbiero) si celebrerà la Giornata della Memoria a cura delle associazioni che, non vedendo muoversi nulla da parte del comune, hanno deciso di attivarsi in maniera indipendente! Anche loro: avrebbero potuto informarsi no?!

Annunci

6 responses to “4 giorni dopo la Giornata della Memoria

  • marina

    Caro Francesco, rispondo a te come a Danilo. Ho sentito Copparoni subito dopo la “sparata” sul sito, anche perchè davvero non se ne può più di tutte queste polemiche…( vedi facebook )
    1. la risposta sul sito del Comune riguardava la notizia della Tribuna che Mogliano non avesse organizzato nulla. Come puoi vedere dalla locandina quello che sono riusciti ad organizzare l’hanno fatto con “nostre” personalità ( Perillo, Don Giorgio…….) e quindi Perillo sa come sono andate le cose. Da quello che so, il ritardo nella comunicazione è dovuto all’Istresco che doveva dire il giorno disponibile. Cooparoni stava anche cercando di reperire fondi per un concerto Klezmer ma non c’è riuscito.
    2. Il patrocinio alla serata del centro giovani non è stato richiesto al comune
    3. Non saranno presenti gli assessori stasera perchè impegnati entrambi con il lavoro ( sto vedendo se mandano almeno un messaggio….)
    Per i 150 anni Copparoni è disponibile a collaborazione, fatevi avanti.

    Le locandine le fa la Edda di solito, il filo spinato è un’immagine abbastanza comune per oggi..

    • francyval

      Oh be’, se lo dici tu…. Io resto dell’idea che la cosa sia stata un po’ abborracciata, ma magari verificherò con gli interessati che tanto vedrò questa sera
      Comunque non è il filo spinato e basta: è proprio quell’immagine lì, presa di brutto dal web o al più “limata” del logo di Portogruaro!

      • marina salvato

        Ci sarò anch’io e mio marito. Copparoni ha detto che cerca di passare a dare un saluto. Cmq puoi chiedere direttamente a Perillo.

      • francyval

        Cosa che ho fatto: praticamente l’unica cosa che il Comune di Mogliano ha ritenuto di fare è partita direttamente dalle associazioni che, in assenza di qualsivoglia input positivo da parte dell’amministrazione, hanno proposto un programma minimo che è stato poi condiviso e tardivamente pubblicizzato.
        Considerato i soldi spesi e gli sforzi di comunicazione profusi per altre attività certamente più visibili (ad es. pista di pattinaggio) o infarcite di amici di Azzolini (ad es. presentazione del libro di Tumino), non mi pare che per la Giornata della Memoria l’amministrazione si sia “sprecata”.
        Ciò premesso ero presente al saluto di Copparoni di cui ho apprezzato lo sforzo. Ho apprezzato meno che con la scusa di “lasciar da parte le polemiche” abbia ritenuto di portarle (anche se indirettamente) all’interno della serata.
        Sia chiaro comunque che la mia critica non si rivolge alla persona Copparoni, bensì a questa amministrazione. So che lui è costretto a barcamenarsi in un contesto che – forse considerando la Cultura un lusso superfluo – non gli lascia certo grandi possibilità di intervento. Ma non credo vi sia una prescrizione del suo medico in merito al mantenimento della carica di assessore. Ha più volte minacciato, velatamente o ufficialmente, le dimissioni: se non ha gli strumenti per agire degnamente (e scusa se dico che in merito alle attività culturali e non solo di degno da questa amministrazione arriva ben poco!) rimetta la sua delega. Oppure, se veramente intende dare un segnale forte di “differenza” si schieri apertamente con chi a Mogliano cerca di fare qualcosa e si spenda per portare queste istanze di fronte ad una giunta che bada a tutto fuorchè alla vita del nostro paese.
        Indegna anche (e qui chiudo) la piccata presa di posizione del sindaco – si sente il suo stile dietro anche se nelle foto è ritratto anche Copparoni – contro chi dice che il comune non ha fatto nulla. Abbiano almeno l’umiltà di ringraziare chi si è speso e contribuire decentemente alla riuscita delle cose organizzate: ci avrebbero fatto una miglior figura

  • marina

    Leggo ora.Come sai sono impegnata a organizzare il 13 febbraio per donne in piazza. Speriamo che sia il saluto funebre per il governo centrale e magari locale.
    Il commento stizzito di Azzolini non l’ho digerito nemmeno io, cmq secondo Copparoni dev’essere interpretato come diretto a Matteo Marcon e non a Perillo ( devi ammettere che l’articolo sulla Tribuna non era corretto). Con Giorgio sto discutendo animatamente da mesi sulle dimissioni. Sente l’adesione che ha dato a Giovanni come personale e non se la sente di “tradirlo”, ma credo che se le sinistre continuano a dimostrarsi responsabili e quindi un’alternativa credibile si possa dare qualche “spintina”. Si potrebbe anche sperare che “se lo piglino” i provincia o addirittura in parlamento, così ci liberiamo di Azzo ed è finita lì. Certo che si deve lasciare il carro in corsa per essere eroi credibili e non quando è fermo in un posto sicuro.
    Ti confermo ( perchè ci ho passato una giornata al telefono) che Giorgio era davvero contrariato dalle polemiche, perchè pensava di avere fatto tutto il possibile con quello che aveva. Ho comunque insistito fino all’ultimo ( ultimo sms 10minuti prima che arrivasse ) perchè venisse almeno a salutare per sedare gli animi. Quindi godiamo il bell’intervento e stop. I ringraziamenti credo che ci siano stati e la partecipazione di Perillo a entrambe le manifestazioni mi sembra la prova. Al momento la cultura è ferma alle giornate delle arti e nemmeno il premio Berto è possibile. Io non presenterò niente per reteventi per esempio.

  • Dimenticarsi della Memoria « ComunistiMogliano

    […] Ricordate che qualche tempo fa avevamo rilevato come la stizza del sindaco per le notizie di stampa in merito all’assenza di iniziative del comune per la Giornata della Memoria fosse tuttaltro che giustificata? Se non lo ricordate non importa: c’è una Memoria molto più importante di una normale memoria e potete sempre rivedere al cosa nel nostro articolo. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: