Fora da i ball

E’ il raffinato quanto socievole invito rivolto dal nostro Ministro delle Riforme – proprio quello che alza le palizzate in difesa delle radici cristiane dell’Europa – alle migliaia di persone che dal nord Africa premono per superare i nostri confini marittimi.

Temendo poi di poter essere male interpretato, che qualcuno cioè potesse fraintendere la sua schiettezza considerandola una dichiarazione ostile nei confronti di chi chiede asilo, ha tenuto immediatamente a precisare “lasciamoli vicino a casa loro: che se ne restino a sud“. Con ciò intendendo che la nostalgia di casa – ben nota a lui costretto a lasciare il suo amato bergamasco per portare il verbo di Alberto da Giussano fin laggiù da Roma Ladrona (quella che tartassa i poveri evasori di quote latte per finanziare la scuola di partito di sua moglie a botte da centinaia di migliaia di euri: avete presente?!), si combatte solo restando vicino alle cose care.

Manca loro il deserto o il suk?! Li ospitiamo in un centro accoglienza in mezzo ad un deserto siciliano oppure stipati come sardine in un’isola – Lampedusa – che non riesce nemmeno a produrre il pane sufficiente per un tal numero di persone… Che tanto i nord africani preferiscono il cus cus!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: