Loro non hanno il sito del comune a disposizione

E non lo possono utilizzare – come invece continua a fare impropriamente il sindaco Azzolini – per polemizzare con singoli, associazioni, giornali oppure per fare la propaganda elettorale per sé stesso ed i suoi padrini.

Dunque, avendo ricevuto il comunicato diffuso dagli operatori della Cooperativa Caracol, che fino al 31 marzo gestivano i servizi del Progetto Giovani e del Progetto Comunità, chiuso definendolo inutile e costoso da questa amministrazione, riteniamo corretto per loro e utile per tutti i cittadini, offrire il nostro spazio per diffonderlo senza aggiungervi commenti di alcun tipo. Anche perchè crediamo che sia chiarissimo e completo e spieghi molto bene quali (non) sono le politiche sociali di questa amministrazione!

I costi delle Politiche Sociali

Siamo obbligati a riprendere la parola nel merito del Progetto Comunità e Progetto Giovani che l’Amministrazione di Mogliano Veneto ha chiuso a partire da oggi 1 Aprile 2011.

Molti di noi abbiamo lavorato a Mogliano come operatori sociali da oltre dieci anni e ieri siamo “scaduti” come tutti i precari. Il Comune ha cancellato importanti servizi sociali ed 8 posti di lavoro, che da oggi non ci sono più.

Il Comune ci ha lasciato a casa, senza nemmeno la correttezza di dirlo chiaramente, anzi, lasciandoci appesi a vaghe promesse per il futuro: l’unico atto scritto è la conclusione dei servizi, il resto sono chiacchiere. L’unica proposta del Sindaco, il 23 marzo 2011 (8 giorni prima del licenziamento!), è stata di lavorare gratis, altro che pagamenti a lunga scadenza!

Vogliamo però anche dire che ci rifiutiamo di venire considerati un “costo”, sia per la nostra dignità di lavoratori precari, sia perché i progetti sociali in cui lavoriamo hanno rappresentato un grande investimento da parte dell’Amministrazione Comunale per promuovere la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale, la mediazione dei conflitti; per prevenire le emergenze ed il degrado sociale. Perché le Politiche sociali, come dice la Costituzione, sono le azioni positive per “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

Le politiche sociali per anni sono state il fiore all’occhiello di Mogliano, attraverso la collaborazione tra Comune, privato sociale e volontariato: il taglio dei servizi ed il licenziamento dei precari avrà una ricaduta gravissima sulla coesione sociale. Quante risorse il Comune ha risparmiato in questi anni, grazie a servizi che hanno reso i cittadini competenti, autonomi ed indipendenti e che quindi non hanno gravato sulla spesa sociale?

E in ogni caso, visto che il Sindaco continua a sparare cifre sui “costi dei Progetti”, accorpando costi di quasi 10 anni di lavoro, chiariamo che:

  • La Cooperativa Sociale non ha né può avere fini di lucro. Il budget dei servizi è stato fissato nella gara d’appalto, comprensivo delle attività, con risorse che ritornano alle comunità moglianesi. Ogni altra risorsa non è a carico della Cooperativa.
  • Il costo degli operatori è di circa 176.000 euro l’anno: le nostre buste paga sono a disposizione di chiunque le voglia controllare (con tasse e contributi) e comunque, guarda caso, 8 operatori sociali costano quasi quanto il City Manager.

Riteniamo inaccettabile che il Sindaco strumentalizzi e diffami il nostro lavoro e la Cooperativa Caracol, un soggetto che abbiamo creato per garantire servizi, qualità, passione, competenza e lavoro, senza lucro e speculazioni.

Infine va detto che questa Amministrazione, in due anni, non è mai entrata nel merito delle attività dei Progetti, non ha elaborato una “mission politica”, un minimo di progettazione o di sviluppo, non ha mai voluto fare un “Bilancio Sociale” del nostro lavoro. Non sappiamo quale sia la sua strategia nelle politiche sociali, di fronte alle nuove insorgenze, ai nuovi bisogni di una società in continua trasformazione ai tempi della grande crisi.

Per questo, ci fa male vedere queste miserabili dichiarazioni dell’ultimo minuto, ormai “fuori tempo massimo”, perché il taglio delle politiche sociali, il licenziamento dei lavoratori e soprattutto l’assenza di un progetto di sviluppo sociale dimostra la totale mancanza di rispetto per le comunità cittadine ed anche per il lavoro che noi precari abbiamo fatto.

Gli Operatori del Progetto Giovani e Progetto Comunità
Mogliano Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: