Decoro pubblico

“Il problema non è quello dei manifesti dell’Ikea, non è fine a se stesso: il problema è quando c’è l’esasperazione e ci si mette nelle piazze e nei giardinetti: si tratta di decoro pubblico. Io multerei due uomini che si baciano in un parco della mia città. Certe cose si facciano in situazione private“.

E’ un brano tratto da un’intervista rilasciata dal sindaco di Treviso Gian Paolo Gobbo, in merito alla diatriba scatenatasi intorno alla pubblicità dell’Ikea (due uomini visti di spalle che si tengono per mano ed uno slogan che si riferisce a “tutti i tipi di famiglia”) che ha portato addirittura il sottosegretario Carlo Giovanardi ad ergersi paladino in difesa della Costituzione, offesa – pare – da quel rimando alla famiglia. Ci sarebbe da ridere se si pensa al rispetto per la Costituzione Italiana dimostrato fino ad ora dal governo di cui Giovanardi è sottosegretario!

Comunque decoro per decoro: le minchiate non sono considerate indecorose?!

Annunci

One response to “Decoro pubblico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: