Qui gatta ci cova

Come di consueto sfogliamo l’Albo Pretorio del Comune di Mogliano alla ricerca di novità ufficiali e ci imbattiamo in un documento che porta come data il 24 dicembre 2010 e come estremi per la pubblicazione nell’albo dal 6 al 17 maggio 2011. Già questo appare strano, ma ammettiamo di non essere sufficientemente addentro alle regolamentazioni in merito da consentirci di discutere la cosa. Comunque sia, incuriositi da questa particolarità andiamo a leggere il documento in questione che porta il titolo di “Affidamento diretto in house providing a Mo.Se. srl dei servizi di comunicazione istituzionale e di comunicazione per la promozione del territorio Euro 20.000 Iva C.

Si tratta della determinazione n. 1023 del 24/12/2010 da parte dello Staff del Sindaco: dunque non una delibera o altra determinazione presa a livello politico, almeno questo da ad intendere la sua titolazione, anche se abbiamo qualche perplessità sul fatto che si possa essere trattato di una iniziativa autonoma dell’apparato.

La riassumiamo per comodità, ma chiunque può leggerla per intero naturalmente: il link qui sopra rimanda al documento originale reperibile direttamente dal sito del comune.

Si richiama la nota del 20/12/2010 con la quale il sindaco richiedeva al dirigente incaricato dello staff di attivare con urgenzaun sistema di comunicazione ed informazione dell’attività istituzionale dell’Ente” e si sottolinea come la nota del sindaco precisasse “anche avvalendosi di soggetti esterni“.

In particolare si dettaglia che è necessaria l’ “individuazione di efficienti canali di comunicazione istituzionale“, l’ “elaborazione degli strumenti individuati, attraverso la realizzazione dei relativi lay out“, la “collaborazione nella gestione del sito internet istituzionale“, “il confezionamento di un equilibrato communication mix“, la “comunicazione per la promozione del territorio” scegliendo su quali misure veicolare l’immagine esterna del comune.

Non c’è che dire: si tratta effettivamente di competenze piuttosto specialistiche, ed infatti il documento afferma che “l’Amministrazione non dispone nel proprio organico di adeguate e qualificate risorse” e per questo si rende necessario avvalersi di soggetti esterni.
Ciò è fattibile anche alla luce del fatto che nell’ultimo Consiglio Comunale del 2010 era stata votata una modifica al bilancio che stanziava esattamente la somma di 20.000 euri proprio dedicandola alla comunicazione istituzionale dell’Ente. Inoltre la normativa (D.lgs 163/2006) consente, per importi fino ai 20.000 euri, di procedere per affidamento diretto, senza indire una gara.

Ok, dunque si è proceduto con urgenza, senza necessità gara a norma di legge seppure al limite consentito, usando una cifra prevista in bilancio sebbene stanziata praticamente l’ultimo giorno utile (e destando all’epoca forti perplessità visto che ci si dibatteva tra tagli e problemi!). Diciamo che il modo d’agire potrebbe essere criticabile, ma certamente non improprio.
Effettivamente selezionando un soggetto esperto della materia di cui si tratta – comunicazione istituzionale dell’ente su mix adeguato di canali, tra cui quelli telematici – si potrà pure fare qualche marginale favoritismo, ma la necessità di sopperire alla mancanza di personale qualificato e l’urgenza lo giustificano ampiamente!

Veniamo dunque al soggetto esperto individuato: si tratta della società MO.SE. Mogliano Servizi S.r.l., quella che è costretta a tagliare le merende dei bambini delle materne e le pulizie degli edifici pubblici, riducendo lo stipendio ai dipendenti part time per soddisfare le esigenze di risparmio dell’Amministrazioen Comunale, avete presente?!

Tutto regolare eh?! Lo sottolinea accuratamente anche il documento “visto che l’istituto dell’house providing, inteso quale affidamento diretto di un servizio di un ente ad una persona giuridicamente distinta, è ritenuto dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia e del Consiglio di Stato ammissibile nel rispetto di alcune condizioni” e qui le condizioni ci sono: non c’è dubbio, non staremo certo lì a discuterlo!

Quello che invece appare stonato è l’associazione tra l’oggetto del servizio – comunicazione istituzionale – è il soggetto incaricato: MO.SE. Ma non si occupavano di mense, pulizie e al più manutenzione del verde pubblico, facchinaggio e cose di questo genere?! Verifichiamo immediatamente sul loro sito ed appuriamo di non esserci confusi con un’altra azienda: proprio di quello si occupano! 

Strano davvero che un’azienda che si occupa di mense e pulizie possa sopperire all’assenza di personale adeguatamente qualificato da parte dell’Amministrazione Comunale per fini di comunicazione istituzionale, individuazione e gestione dei canali di informazione, gestione del sito internet istituzionale, ecc. Non trovate anche voi?! Sinceramente, senza voler in alcun modo sminuire,  l’unica prerogativa qualificante di MO.SE. nella fattispecie mi pare quella di non aver vincoli di legge su come spendere i quattrini e sui contratti atipici attivabili… Ma ovviamente io sono persona particolarmente portata a diffidare!

Annunci

5 responses to “Qui gatta ci cova

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: