Chi l’ha duro la vince…

… E si sa che il celodurismo è categoria sdoganata in politica, in tempi piuttosto recenti dalla Lega Nord. Forti di questa certezza, i verdi padani che (purtroppo) governano Mogliano persistono nell’attestare la loro erettile alterigia ad ogni pié sospinto.

Nell’ultimo Consiglio Comunale la maggioranza ha sostenuto una proposta di modifica dello Statuto Comunale intesa a raggiungere due obiettivi fondamentali: togliere all’opposizione la possibilità di ottenere spiegazioni pubbliche sull’operato della Giunta e cementificare la posizione del sitiméneger alias l’illegale Direttore Generale.

Ma per modificare lo Statuto è necessaria l’approvazione dei due terzi dei Consiglieri Comunali: limite volto ad impedire (appunto) colpi di mano da parte delle maggioranze pro-tempore, e dettato dal fatto che lo Statuto è un po’ come la Costituzione: fissa le norme basilari da cui tutto il resto dipende.
E’ chiaro che l’opposizione non è disponibile a votare una norma volta a farla tacere o un’altra volta a far mettere radici stabili ad un controllore leghista; e la maggioranza non dispone di voti sufficienti.

Per altro ci piacerebbe sapere cosa ne direbbe la Lega, laddove si trova all’opposizione anziché al governo, di una regola che impone che le interrogazioni sull’operato della Giunta siano fatte esclusivamente in forma scritta ed ottengano risposta, sempre e solo in forma scritta, entro 30 giorni dalla loro presentazione.
Insomma: si passa dal dibattito politico e dal ruolo di controllo dell’opposizione ad un vetusto ed insabbiato rapporto epistolare tra un Consigliere ed un Assessore!

E veniamo al sitiméneger. E’ stato nominato in fretta e furia in una breve parentesi di vacatio legis intercorsa tra l’approvazione della norma che lo vietava e la sua entrata in vigore. Tra l’altro lo stesso articolo di legge è stato utilizzato dall’attuale maggioranza per eliminare la figura del Difensore Civico, volta a tutelare il cittadino davanti alla Pubblica Amministrazione Locale (vedi un po’…)

Le sue principali funzioni sono: ridurre l’interlinea nei documenti stampati dal Comune per risparmiare carta (chissà se anche nella risposta scritta alle interrogazioni…); fare la faccia feroce con il personale allontanandolo e riducendo all’osso quello che sarebbe necessario per combattere l’evasione fiscale; aiutare l’Amministrazione a sforare il patto di stabilità; trovare a chi far comprare di volta in volta la pista del ghiaccio; tenere caldo il sedile di una poltrona (dalle 8.00 alle 19.30 secondo l’elogiante capogruppo della Lega Zardetto) e soprattutto garantire alla Lega Nord l’ennesimo posto chiave nella sua estenuante ma mai estenuata partita a piazzarsi ovunque ci sia del piazzabile.

Ma, come dicevamo all’inizio, la Lega “ce l’ha duro” ed intende dimostrarlo all’opposizione, ma soprattutto ai cittadini!

Non vi è infatti associazione, comitato o gruppo di interesse che non abbia indicato il risparmio dell’inutile spesa per il sitiméneger (andiamo verso i 150mile euro l’anno!) quale fonte di finanziamento per necessità più o meno impellenti del nostro comune. Ma l’amministrazione si ostina a rispondere che si tratta di una scelta politica (parole loro: Zardetto, Azzolini, Boarina, ecc.) di cui si assume la responsabilità e dalla quale non intende desistere: costi quel che costi. Il problema è che la responsabilità se la assumono loro, i costi noi!!!

Ed infatti, coerente con la sua maschia determinazione, bocciata la modifica alla prima votazione, prosegue imperterrita: alla terza infatti le basterà la maggioranza semplice per far passare la modifica.
Regole alla mano ha ragione: questa possibilità è una scappatoia per non rischiare l’immobilismo assoluto e contemporaneamente garantire il tempo sufficiente per un ripensamento, il confronto e magari un accordo che portino ad una visione condivisa di quelle che sono regole fondamentali valide per tutti.

Ma loro no: servono tre votazioni? Bene: il 13 febbraio fissano una nuova sessione del Consiglio Comunale che ha come unico punto all’ordine del giorno la seconda ed altrettanto scontata bocciatura della modifica.
In questo modo però si prendono avanti ed al prossimo Consiglio potranno approvarsela da soli!

Avrei un suggerimento. Quando porteranno per la terza volta al voto la loro granitica determinazione a zittire l’opposizione e rendere perpetuo il vitalizio attribuito ai loro sodali (e la morsa sul funzionamento amministrativo del comune), lasciamoli soli! Andiamo tutti nel settore del pubblico, cittadini e consiglieri di opposizione: tutti in estatica ammirazione della loro fallica volontà eretta a monito verso Mogliano tutta, ma anche a simbolo del loro modo di intendere e di volere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: