Omaggio alla Resistenza e Giornata delle Scoperte

Mercoledì 25 aprile a Mogliano si sono ricordate la Resistenza e la Liberazione tra fioche polemiche e grandi scoperte. Per le prime segnaliamo il fatto che, a differenza dell’Inno di Mameli e della Canzone del Piave, Bella Ciao non era nel programma ufficiale diffuso: si sapeva comunque che sarebbe stata cantata (e non è mancata!), ma probabilmente era meglio non far troppo notare la cosa, magari solo per non rifocolare precedenti figure di m… fatte da questa amministrazione.

In compenso scopriamo cose che non sapevamo: della serie che non si finisce mai di imparare!

Dalla dichiarazione di Azzolini alla stampa “Bella Ciao non era nel programma perchè non fa parte del cerimoniale ufficiale. Ma non c’è stato alcun divieto dell’amministrazione a proporla, tanto che abbiamo invitato il coro. E’ bene dividere il momento istituzionale da quello passionale. Gli anni scorsi sono stati i no global a sollevare polemiche sterili“.

Così scopriamo improvvisamente una serie di cose:

  1. Bella Ciao non fa parte del cerimoniale ufficiale dedicato alla Resistenza, mentre evidentemente la Canzone del Piave (della prima guerra mondiale) si.
  2. L’Amministrazione non l’ha mai vietata: tutte le polemiche ed i casini degli anni scorsi sono stati montati ad arte e la stampa locale e nazionale non aveva capito una fava.
  3. Noi, l’ANPI, i partiti della sinistra (e non solo), molte associazioni di volontariato siamo tutti dei No Global!!!

Non pago di essersene uscito con la sua periodica rivisitazione onirico-strumentale della realtà, il sindaco Azzolini chiude la dichiarazione con queste parole: “Chi è in politica deve essere al servizio di città e patria. C’è bisogno di una politica etica che metta al centro il bene comune“.

Così se noi ci scopriamo improvvisamente No Global il sindaco si rivela addirittura un Benecomunista (sotto mentite spoglie padane) ed al servizio della Patria. 

Non ha però precisato a quali confini geografici si riferiva quando ha parlato di Patria: evidentemente la giornalista non ha avuto la prontezza di spirito di chiederglielo. Peccato: io al posto suo l’avrei fatto.

Non ha precisato nemmeno se per fare una politica etica il recente scaricabarile della Lega Nord sulle spalle di un paio di capri espiatori, sia sufficiente. Oppure se sia eticamente compatibile il suo ruolo di Commissario Straordinario per la svendita del Gris dopo aver berciato per anni che si tratta di un patrimonio comune incedibile della Città di Mogliano. O aver chiuso il Centro Giovani dopo averci costruito sopra (a spese comunitarie) una fortuna politica.

Ma forse l’etica in alcuni casi non è più granitica della memoria

Annunci

One response to “Omaggio alla Resistenza e Giornata delle Scoperte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: