Mogliano che vorrei

E’ nato un nuovo sito web: si chiama Mogliano che vorrei ed è promosso dal coordinamento delle forze del centrosinistra e della sinistra moglianese.

E’ frutto del lavoro di analisi ed elaborazione di proposte svolto per il nuovo PAT (Piano di Assetto del Territorio) che è in fase di elaborazione e – direi quasi soprattutto – come reazione alla totale assenza di confronto con la popolazione, le associazioni, i comitati, le rappresentanze e così via da parte di questa amministrazione comunale.

La nostra prima reazione è stata: com’è possibile che si intenda elaborare un piano strategico, della portata del PAT, che definirà il futuro di Mogliano almeno per i prossimi 10 anni, senza che sia avviato un confronto serio e capillare?! Purtroppo è possibile: la maggioranza Lega – Arlecchino ci ha abituato a questo modo di operare: decidono alle nostre spalle e sulla nostra pelle nelle loro buie stanze. A parole “assumendosene la responsabilità politica“: sempre rivendicata quando si tratta di gestire in proprio affari e scelte, rapidamente dimenticata quando non addirittura scaricata su altri, non appena le scelte fatte mostrano tutta la loro limitatezza (o dannosità come spesso accaduto!).

Bene: noi a questa logica non ci stiamo! Per prima cosa, con uno sforzo notevole, abbiamo organizzato tre incontri che hanno avuto il merito di far chiarezza sul PAT, sulle procedure messe in campo ed anche sulle scelte clandestine (nel senso che erano nascoste nelle pieghe burocratiche del discorso). Ma hanno anche aperto un dibattito ed evidenziato posizioni alternative e ragionate da parte di molti: associazioni di categoria o ambientalistiche, comitati di difesa del territorio, semplici cittadini.

Durante questi incontri abbiamo promosso l’idea di organizzare dei gruppi di discussione e confronto che possano approfondire argomenti specifici legati al PAT per poi intervenire nelle procedure: si tratta di un meccanismo che stiamo mettendo in moto in questo periodo. Nel frattempo però si è pensato anche di avviare uno spazio preliminare (mi si consenta la definizione impropria) dove la discussione possa comunque avviarsi, senza attendere i tempi lunghi (e faticosi!) necessari perche possano incontrarsi persone ed associazioni.

Questo è il senso di Mogliano che vorrei: uno spazio dove dibattere. Si tratta infatti di un sito che offre uno strumento di discussione – i forum – aperto a chiunque sia interessato a pubblicare la propria opinione ed a discuterla con gli altri. Non dunque (e ci preme sottolinearlo!) un blog o una raccolta di documenti o interventi dell’esperto di turno – anche se chiunque può inviare il suo contributo anche in questo senso – ma uno spazio di discussione, disponibile per l’esperto, l’associazione, il cittadino… Chiunque voglia dire la propria o fare domande o saperne di più dell’opinione altrui.

La lettura e consultazione sono libere ed aperte a tutti. Per poter intervenire nel dibattito (che ci auguriamo si creerà) è necessario registrarsi, ma la registrazione è aperta ed immediata – non deve sottostare ad autorizzazioni –  e consente subito di intervenire.

Il nostro augurio è che questo spazio venga utilizzato, veramente da tutti, per cercare di disegnare un futuro migliore per il nostro territorio in primis, ma anche (il PAT incide su moltissimi aspetti della vita cittadina!) per la vita del comune e dei sui cittadini. Vi aspettiamo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: