E i conti come tornano?!

Leggo su La Tribuna di Treviso di ieri “MOGLIANO. Serenissima si aggiudica la municipalizzata Mose: dall’anno prossimo gestirà il servizio mensa nelle scuole. Il gruppo di ristorazione collettiva nato a Vicenza a metà degli anni Ottanta approda anche a Mogliano, dopo l’Usl 9 e i numerosi comuni limitrofi, come Preganziol, nei quali cura la refezione scolastica.”

Sinceramente il vincitore della “gara” (chiamiamola pure così) stupisce pochissimo: noi con la nostra sfera di cristallo avevamo previsto circa un anno e mezzo fa chi sarebbe stato: MAGIA!!!

Quello che stupisce è un’altra cosa.  Giovedì 13 mattina, alle ore 9.30, ero in Comune deciso a partecipare all’apertura delle buste della gara. All’ultimo momento ci è stato detto che il regolamento del bando non prevedeva una seduta pubblica ma solo l’accesso da parte dei rappresentanti delle ditte che avevano fatto un’offerta. La cosa mi è parsa sinceramente assurda, ma visto che a dirlo era la dirigenza amministrativa (e non politica) fatto buon viso a cattivo gioco mi sono ritirato in buon’ordine.

Anche perché, come mi ha poi confermato la sera al Consiglio Comunale la signora Corbanese, giovedì si espletava solo l’apertura delle buste, con la verifica che tutto fosse in regola, la valutazione tecnica avrebbe poi richiesto diverso tempo. Inoltre mi era parso di capire (ma evidentemente qui mi sbaglio?) che solo al termine della valutazione tecnica ci sarebbe stata l’apertura delle offerte economiche con relativa aggiudicazione.

Invece – potenza delle riforme del governo Monti?! – sono riusciti in un solo giorno a fare tutto e determinare chi fosse il vincitore: dunque già venerdì il sindaco Azzolini, con suo sommo stupore (non se la sarebbe mai aspettata!) ma felicità, ha potuto informare la stampa che Serenissima Ristorazione si è aggiudicata per 680 mila euro la proprietà di Mogliano Servizi con annesso centro cottura del valore di stima di circa  1,5 milioni di euro. Ma «Il valore della società», spiega Boarina, «risente anche dei debiti. Solo 200 mila euro sono i mancati crediti nei confronti dell’Istituto Gris, e numerosi altri debiti verso fornitori»: chissà mai chi sarà quel commissario straordinario che non solo non ha pagato i debiti del Gris, ma ha pure attribuito ad altri (per l’esattezza a Serenissima Ristorazione, pensa un po’…) l’appalto?!

Potenza dell’efficienza padana! Superata in celerità di valutazione solo da noi piccoli Komunisti che avevamo fatto tutte le valutazioni di merito (o piuttosto: avevamo previsto le valutazioni di merito che avrebbero fatto loro!) con un anticipo annuale.

Continuo a chiedermi come sia stata possibile, da parte nostra, una così chiara e tempestiva preveggenza!

Annunci

One response to “E i conti come tornano?!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: