Senza oneri per lo stato (o per il comune)

Da televideo RAI di oggi 27/05/2013 h. 7:41

Il referendum consultivo sui fondi comunali per le scuole private dell’infanzia di Bologna ha premiato i promotori di Articolo 33, che chiedono di destinare quelle risorse, circa un milione di euro ogni anno, alla scuola pubblica.

L’opzione A, ha vinto con il 59% con 50.517 votanti, mentre per quella B 35.160, pari al 41%. Al voto, che ha messo in crisi la maggioranza di centrosinistra che guida la città, sono andati il 28,71% degli aventi diritto, oltre 85mila bolognesi.

Considerando il fatto che solo una parte dei cittadini è direttamente coinvolta nella situazione della scuola, e della scuola dell’infanzia in particolare; che il comune ha fatto il possibile per complicare la vista a chi voleva votare (pochi seggi e mal dislocati nel territorio), che praticamente tutti i poteri forti si sono dati un gran da fare per far passare l’opzione B (che avrebbe confermato i fondi alle scuole private), si direbbe proprio una bella vittoria.

Adesso aspettiamo di vedere come se ne prenderà atto (il referendum ha solo finalità consultive) e quanto potrà diffondersi il movimento per la scuola pubblica contro il finanziamento pubblico alle scuole private (non solo quelle confessionali).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: