Petizione per una sede distaccata del Tribunale Civile a Mogliano

Ieri sera il sindaco protempore dott. Giovanni Azzolini s’è sentito diffamato dal fatto che nell’ordine del giorno presentato dall’opposizione in merito al mancato trasferimento del Distretto Socio Sanitario presso i locali dell’Istituto “Costante Gris”, lo si accusava di superficialità ed inadempienze nel suo agire. Trasferimento che – lo ricordiamo – da 5 anni a questa parte viene garantito come imminente ogni 3/4 mesi circa.

Il 6 marzo, in Consiglio Comunale, aveva dichiarato che l’agibilità dei locali era a posto, mancava solo una firma, e che la convenzione tra l’Istituto e l’ASL era vigente. Poi ieri sera consiglieri e pubblico si sentono dire che gli uffici comunali non hanno concesso l’agibilità in quanto la documentazione presentata è risultata carente e/o inadeguata, e che dunque la procedura è sospesa; mentre da una lettera del direttore della ASL scoprono che sono in attesa di convenzione ormai da anni, senza aver ottenuto risposta al progetto inviato.

Questo non significa che il Commissario Straordinario si sia dimostrato superficiale o inconcludente e nemmeno che lo sia stato il sindaco protempore. Infatti, secondo quanto dichiarato dal Commissario Straordinario dell’Istituto dott. Giovanni Azzolini, la carenza di documentazione sarebbe da imputare alla modifica delle norme intervenuta dal 1988 ad oggi (non s’erano accorti che parte della documentazione faceva riferimento a quelle…). Mentre il sindaco protempore dott. Giovanni Azzolini ha denunciato come la mancanza della convenzione dipenda dalla non volontà del Consiglio Comunale.

Tenuto conto che le versioni di entrambi sono coerenti e convergenti non è lecito pensare che non siano vere: non penserete mica che si siano messi d’accordo tra loro?!

Ed infatti ieri sera il sindaco protempore dott. Giovanni Azzolini ha pensato bene di minacciare di querela il  Consiglio Comunale. In prima battuta pareva dovesse essere una querela collettiva, poi ha rettificato precisando di limitarla ai soli consiglieri che avessero votato a favore dell’ordine del giorno.

Dunque nel caso, tenete presente che mettere in dubbio queste sacrosante verità equivale a remare contro al bene di Mogliano e per sovrapprezzo ad essere passibili di querela per diffamazione da parte sia del Commissario Straordinario che del Sindaco protempore.

Noi per ogni evenienza inizieremo una raccolta firme di cui al titolo di questo intervento

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: