Fatta la legge….

Dunque…

E’ conclusivo!” diceva il mio insegnante di lettere del liceo interrompendo l’interrogazione sulla prima parola e rimandandoti al posto malamente con un bruto voto. Ma qui non si tratta di descrivere la condizione iniziale: bensì – appunto – di trarre delle conclusioni.

Abbiamo subìto un esposto pentastellato che ci ha costretto a svuotare la nostra povera bacheca di un foglio stampato in casa con il simbolo de La Sinistra per Mogliano. Forse costerà alle nostre misere finanze autoalimentate 103 euri di ammenda: poco meno di quanto abbiamo investito nell’intera campagna elettorale. Ma “le regole devono essere uguali per tutti!” tuonano i forcaioli a cinque stelle, ed avrebbero pure ragione fosse vero. Poi loro non hanno una mezza idea a cercarla con il lanternino (e quando le hanno fan tremare i polsi) ma in compenso c’hanno un comico che riempie le piazze con i suoi improperi ed attirando la gente con l’occhiolino dell‘evento gratuito.

grilligratisCome si diceva una volta “ognuno mostra ciò che c’ha“:, ma invece ora ciascuno mostra ciò che si puà permettere di pagare.

Vediamo qualche esempio?

L’ art. 3 della Legge 212\1956 (che regola la propaganda elettorale) dice  ” … In ognuno degli spazi anzidetti spetta, ad ogni lista, una superficie di metri 2 di altezza per metri 1 di base e ad ogni candidatura uninominale una superficie di metri 1 di altezza per metri 0,70 di base … Sono vietati gli scambi e le cessioni delle superfici assegnate tra le varie liste o i vari candidati

Facendo un giro per Mogliano potrete facilmente notare questo:

Faccioni 001s dove si vede molto bene che il ludico p-rotempore dott. Giovanni Azzolini usa gli spazi delle sue liste p-factorine in maniera assolutamente irregolare per esporre manifesti di dimensioni triple rispetto alla norma. Tra l’altro manifesti di questo genere costano una bella cifra: per permetterseli con lo stipendio da sindaco deve aver fatto musina in tutti questi 5 anni (orribili) di mandato!

Ma non è l’unico: a fianco potrete trovare un esempio analogo:

Faccioni 002sGarantisco che le due foto sono state riprese oggi, martedì 13 maggio 2014, intorno alle 16.45 a pochi secondi di distanza l’una dall’altra, di fronte al cimitero nello spazio per la propaganda elettorale alle cui spalle c’è la caserma dei carabinieri ed il centro anziani. Ma esempi analoghi potete facilmente trovarli altrove: ad esempio in via Ronzinella, poco distante dalla sede della Polizia Locale:

Faccioni 008Qui la foto è ripresa intono alle 20.30, il buio è dovuto al temporale in arrivo.

Tornando indietro nel pomeriggio, poi, notavo parcheggiato di fronte ai manifesti di cui sopra, anche un altro strumento di esposizione ai limiti della regolarità:

Faccioni 003sDevo ammettere però di non essere tornato lì a verificare dopo 15 minuti se il furgone si era allontanato per cambiare posto, come impone la norma. Auguriamocelo e concediamo il beneficio del dubbio!

Ma se fin’ora avete pensato che il termine più adatto a descrivere queste cose fosse “furbetti“, adesso possiamo passare dai diminutivi ai superlativi.

La legge dice che 30 giorni prima del voto le pubblicità a pagamento non sono più consentite, e quelle ancora presenti vanno ricoperte per essere rese irriconoscibili o dall’agenzia pubblicitaria che le ha esposte oppure dal comune nel quale si trovano.

Bene: nel parcheggio che sta tra le scuole medie ex “Toti Dal Monte” e via Ronzinella (quello che costeggia il campo da Rugby) ho notato appunto che erano stati ricoperti dei manifesti con fogli che non portavano nessuna indicazione di marche, liste, committenti responsabili o quantaltro: solo fogli bianchi con un segno nero:

Faccioni 007Non so se nella foto si riesca ad avere il riscontro, ma posso garantirvi che a parte il grosso segno centrale nero non c’è proprio nulla: nemmeno l’indicazione di chi li abbia stampati.

Solo che quel grosso 8 mi ha messo la pulce nell’orecchio, e dunque ho voluto fare un esperimento. Ho fotografato un manifesto elettorale – regolarmente esposto negli spazi dedicati! – della lista civica di Ottorino Celebrin e quindi, lavorando con Gimp, ci ho sovrapposto una trasparenza di questo manifesto ed ecco il risultato:

Faccioni 005Si badi bene che si tratta di un fotomontaggio il cui scopo era esclusivamente quello di verificare se il grosso 8 nero dei manifesti anonimi per puro caso (ovviamente non può che trattarsi di una combinazione!) non fosse esattamente sovrappobnibile a quello che fa da simbolo della civica dell’attuale Presidente del Consiglio Comunale, nonchè candidato sindaco con la sua lista civica e l’appoggio informale del NCD.

Per Bacco che sfiga! Qualcuno per coprire i manifesti elettorali ha scelto proprio un 8 e – colmo della sfortuna! – proprio con la stessa font e lo stesso spessore del suo simbolo.

Ma vedi te a volte il fato!

Dunque (e questa volta è conclusivo davvero!), alla fin fine chi per fare la campagna elettorale si basa solo sulle sue idee e sul contatto diretto con le persone, forse pagherà una multa, ma non si preoccupi signora Manes: faremo una colletta e qualcuno ci aiuterà di certo a venirne fuori.

Nel frattempo, se dovesse avere nuovamente l’occasione di farcisi fotografare insieme, porti i miei saluti al comico divenuto milionario con i soldi pagati dalla RAI (di cui io pago regolarmente il canone, giusto per precisare), che andrà in questi giorni a farsi vivo nello studio di Bruno Vespa, visto che lui non subisce l’oscuramento mediatico della lista l’Altra Europa con Tsipras, e che gira l’Italia con il suo camper guidato da un autista (ma mica l’auto blu!) agghindato di slogan, faccioni e vaffanculi vari per sopperire con la fama televisiva a quel vuoto con 5 stelle intorno che lei, ed altri come lei, rappresentate.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: