Archivi tag: antifascismo

Memoria

Il 4 aprile 1944 alla Risiera di San Sabba entra in funzione il forno crematorio. La struttura viene inaugurata con la cremazione di settanta cadaveri di ostaggi fucilati nel poligono di tiro di Opicina

Il 4 aprile 1944 alla Risiera di San Sabba entra in funzione il forno crematorio. La struttura viene inaugurata con la cremazione di settanta cadaveri di ostaggi fucilati nel poligono di tiro di Opicina

Annunci

Crowfounding Resistente

Per il 70° anniversario della Liberazione, la sezione di Treviso dell’Associazione “rEsistenze” sta realizzando un filmato dal titolo “Con i messaggi tra i capelli. Ragazze della Resistenza trevigiana”. Clicca per visionare il DEMO

Il video racconterà la partecipazione delle donne che hanno operato nella Resistenza del trevigiano attraverso i volti e le parole di: Tina Anselmi “Gabriella” ( presidente onoraria di “r-Esistenze”), Vittorina Arioli “Anita”, Leda Azzalini “Mariska”, Olga Bernardi, Rosina Annetta Bernardi “Annarosa”, Onorina Borin, Lisetta Campion, Teresa Casagrande, Anna Colles, Marcella Dallan, Itala Da Re, Giovanna Faè, Bruna Fregonese, Sofia Gobbo “Giorgio”, Noris Guizzo “Carmen”, Rina Lorenzon, Annamaria Lorenzoni, Elisa Perini, Lina Piccin Livieri, Luciana Tecla Piva “Elda”, Gina Roma, Nedda Zanfranceschi.

Sono testimonianze (video e audiointerviste, lettere, diari e memorie) raccolte dalla nostra Associazione“rEsistenze” oltre che da ISTRESCO (Istituto per la storia della Resistenza della Marca trevigiana), IVESER (Istituto veneziano per la storia della Resistenza) e ANPI di Treviso.

Pensiamo che questa iniziativa debba rivolgersi in primo luogo ai giovani, e quindi lo proporremo come contributo alla scuola per assolvere al proprio mandato istituzionale di sviluppo della cittadinanza attiva.

Per la realizzazione del filmato abbiamo attivato una campagna di crowdfunding. Il costo del progetto è relativamente contenuto (riferito unicamente al compenso per il regista e alla stampa dei DVD). Pensiamo che questa formula “corale” di finanziamento possa rappresentare un’opportunità di partecipazione all’iniziativa per i futuri fruitori del filmato, per altri soggetti che rivestono un ruolo istituzionale, politico o culturale, nonché per tutti i cittadini interessati.

Chi vuole appoggiare il progetto può versare il suo contributo economico a: Associazione Resistenze – Calle Michelangelo 54 P – Giudecca Zitelle – 30133 Venezia (codice IBAN IT56D0760102000000086053899 e CCP 86053899) indicando come causale: “video partigiane Treviso”.

http://www.resistenzeveneto.it/


La lotta partigiana e operaia nella pianura trevigiana

Locandina convegno

Inaugurazione sabato 11 aprile, palazzo dei 300, Treviso. Aperto fino al 25 aprile


#NOTINMYNAME

I fatti di Tunisi ci consegnano solo l’ultimo anello della catena di morte che l’ISIS sta stringendo attorno al collo della pace tra i popoli, in medio oriente e nel mondo. Un operazione totalitaria e delirante, che mira a cancellare la pluralità delle coscienze nel tempo e nello spazio, perpetrando la predicazione della paura in ogni dove.

La frenesia della comunicazione nel nostro tempo non consente distinguo e nella sua corsa non riesce a sottolineare che L’ISIS non è una religione, ma bensì puro fanatismo nei confronti del potere. Di tutto ciò ne approfittano avvoltoi senza scrupoli che instillano facili stereotipi nell’opinione pubblica, che in molti casi colpevolmente ingoia. Semi di odio che sospinti dal vento dell’ignoranza fanno germogliare razzismo e intolleranza.

Nessuno però si domanda quale Dio vorrebbe tutto questo? Nessuno si domanda come, da dove e per quali motivi ciò sia nato? In pochi lo fanno perché le risposte proporrebbero responsabilità geopolitiche scomode e difficilmente giustificabili se non con logiche di danaro e potere.

Di ciò noi da mesi ne stiamo facendo le spese per le strade, nelle scuole e nei luoghi di lavoro. Tante però sono anche le persone di buona volontà che ci supportano e creano anticorpi nel tessuto sociale per fermare il cancro della xenofobia.

Insieme all’Amministrazione Comunale ci rivolgiamo a loro per portare anche nella nostra città l’urlo di #notinmyname, che in questi mesi ha caratterizzato tutte le piazze d’Italia e d’Europa. Lo faremo attraverso un flashmob, dal quale costruiremo un video che poi sarà fatto girare in maniera virale sul web.

L’appuntamento è per domenica 29 marzo alle ore 15.00 presso il parco delle piscine in via Barbiero, l’unica richiesta è di indossare tutti una maglietta bianca e spargere la voce il più possibile in città.

Vi aspettiamo in tanti.

Mogliano Veneto, 23/3/2015.

Amar Abdelhamid

Presidente dell’associazione Amici della Pace.


Chi ha deciso di dare una medaglia a un ufficiale fascista?

16 marzo 2015
Nel 70° della liberazione, a Montecitorio, viene consegnata una medaglia a ricordo di un ufficiale fascista della Repubblica di Salò? Sembra incredibile ma è proprio così. Chi ha deciso di concedere il riconoscimento alla memoria di Paride Mori, del battaglione “Benito Mussolini” che combattè a finco delle SS naziste?

E con quali criteri? Domande inquietanti che pretendono risposte certe e rapide. Esigenza di cui si fa interprete Carlo Smuraglia, presidente nazionale dell’Anpi:

“Ho appreso dalla stampa la notizia della consegna di una medaglia, in una sala della Camera dei deputati, dove si trovavano anche il Presidente della Repubblica e la Presidente della Camera, ad un fascista della Repubblica di Salò. La notizia appariva così incredibile (e grave) che sono stato lieto di apprendere, da una dichiarazione emanata dalla Presidenza della Camera, che la Presidente Boldrini non aveva dato alcun premio, né aveva in alcun modo concorso ad individuare il nome del “premiato” tra quelli meritevoli di onorificenza (sono parole pressoché testuali del comunicato della Presidenza della Camera). Altrettanto credo sia accaduto per il Presidente Mattarella, ma non è possibile anticipare nulla al riguardo, finché non ci sarà qualche comunicazione da parte del Quirinale”.

“Di certo – commenta Smuraglia – un’onorificenza è stata consegnata dal Sottosegretario Delrio e dunque a nome della Presidenza del Consiglio. Anche il Sottosegretario ignorava tutto? Sembrerebbe impossibile; comunque, chi ha proposto e deciso quella onorificenza proprio nell’anno del 70° anniversario della Resistenza? A quali criteri ha obbedito la speciale Commissione che valuta per la Presidenza del Consiglio le onorificenze? È veramente difficile accontentarsi della prospettazione di un “errore”, a fronte di situazioni che imporrebbero una vera sensibilità democratica. Pensiamo che su questo debba essere fatta chiarezza assoluta ed al più presto. Altrimenti dovremmo pensare che la Presidenza del Consiglio, che si propone di celebrare il 25 aprile e il 70° è disponibile, al tempo stesso, a riconoscere “i meriti” di chi militò dalla parte della dittatura, del fascismo, della persecuzione degli ebrei, degli antifascisti e dei “diversi”. Davvero, tutto questo appare inconcepibile; l’ANPI attende, comunque, chiarimenti precisi e definitivi e, soprattutto, che ognuno si assuma le responsabilità che gli competono. Dopo di che, prenderemo – a ragion veduta – le nostre posizioni di antifascisti e di combattenti per la libertà, che non conoscono né tentennamenti né ambiguità, ma si riconoscono nella vera storia del nostro Paese e nella Costituzione che lo regola e pretendono che altrettanto facciano le istituzioni.

resistenza


Dal g8 di genova – Violenza privata e abuso d’ufficio

Giacomo Toccafondi, medico-torturatore, sia radiato dall’Ordine dei medici

Giacomo Toccafondi ha compiuto azioni terribili durante il G8 di Genova, picchiando, torturando, minacciando e umiliando i pazienti che aveva in cura, anziché aiutarli. Si è trattato per la maggior parte di ragazzi molto giovani, che si sono trovati soli, tra i poliziotti ostili, a dover subire in silenzio abusi incessanti. Molti di loro erano manifestanti arrestati all’interno della scuola Diaz: tutte persone che le indagini successive hanno dimostrato essere pacifiche e non pericolose, e sulle quali Toccafondi ha infierito con particolare crudeltà durante il suo mandato in qualità di dipendente del ministero di Grazia e Giustizia.
Quel giorno di luglio del 2001, il signor Toccafondi si presentò in infermeria – ufficialmente in qualità di medico – vestendo una mimetica anziché il tradizionale camice. Da allora decise deliberatamente di svestire i panni di medico. I giudici che lo processarono descrissero la caserma di Bolzaneto, luogo in cui torturò i suoi pazienti, come una prigione e affermarono pubblicamente che, secondo le prove in loro possesso, Toccafondi “agì con crudeltà” nel corso del suo mandato. Marco Poggi, suo assistente all’epoca dei fatti, testimoniò contro di lui: “Vidi di tutto, non feci quanto avrei voluto per fermarlo. Dileggiava con i pazienti, gli urlava ‘Te lo do io Che Guevara!’, ‘Sporchi comunisti!’ eccetera […] Non li ho aiutati quanto avrei voluto. È un senso di colpa che mi porterò dietro per sempre”.
Per il suo operato Toccafondi è stato incriminato per omissione di referto, violenza privata, lesioni e abuso d’ufficio, ma è stato salvato dalla provvidenziale prescrizione, senza fare un giorno di carcere nonostante le pesanti condanne a suo carico. E ora, da ottobre, potrà tornare a svolgere liberamente la sua professione di medico.
Con le sue azioni, Giacomo Toccafondi ha gettato l’Ordine dei medici nella vergogna e nell’ignominia, rinnegando e ignorando qualsiasi obbligo etico e morale nei confronti dei propri pazienti. Visti gli orribili atti di cui si è reso complice e promotore, viste le numerose testimonianze e la nutrita e incontrovertibile documentazione relativa al caso, dati e comprovati i fatti inoppugnabili che lo condannano, giuridicamente ed eticamente, chiediamo che il dottor Toccafondi non debba più essere messo in condizione di avvicinarsi a un paziente bisognoso di cure. Alla luce di tutto ciò, chiediamo pertanto che Giacomo Toccafondi venga radiato dall’Ordine dei medici.

Firma la petizione


Chi manipola le fonti falsifica il presente e allontana la verità sulle foibe

Ben volentieri ci uniamo a GIAP per una doverosa operazione di restituzione della memoria.

31 luglio 1942: esecuzione sommaria di civili sloveni nei pressi del villaggio di Dane

31 luglio 1942: esecuzione sommaria di civili sloveni nei pressi del villaggio di Dane

Questo è solo un piccolo addendo al bellissimo post di Lorenzo Filipaz «Foibe o esodo? Frequently Asked Questions sul Giorno del Ricordo», che negli ultimi due giorni ha avuto un vero boom di visite.

Ripubblichiamo qui sopra la famigerata foto, stavolta con didascalia incorporata.
Infatti, un modo per contrastarne la falsificazione è farne apparire il senso già in Google Immagini, a colpo d’occhio.
Perché se ci limitiamo a pubblicarla con la spiegazione a parte, come abbiamo fatto nel post di Lorenzo, rafforziamo comunque la sua associazione con la parola chiave «foibe», e continuerà a essere “pescata” ignorando il contesto.
Diverso se la si fa girare per il web, pubblicata su un gran numero di blog, con avviso incorporato.

Il consiglio è: ripubblicatela ovunque potete, in questa versione, con un breve testo che, come questo che state leggendo, spieghi il senso della cosa. Aggiungete i nomi dei cinque fucilati la cui memoria viene costantemente negata:

Franc Žnidaršič

Janez Kranjc

Franc Škerbec

Feliks Žnidaršič

Edvard Škerbec

Aggiungete poi un link diretto all’intera sequenza fotografica di cui quest’immagine è parte.

Aggiungete un link al dossier sulle manipolazioni che questa foto da troppi anni subisce.

Aggiungete un link all’opinione di Michele Smargiassi, giornalista di Repubblica e studioso di fotografia, intitolata «Non dire falsa testimonianza».

E, se volete, un link alle FAQ preparate da Lorenzo.

Soprattutto, mantenete la calma di fronte a reazioni furibonde. Sono di corto respiro. L’importante è che questa foto non venga più travisata. Ci vorrà un po’ di tempo, ma otterremo il risultato. Per Franc Žnidaršič, Janez Jranjc,Franc Škerbec, Feliks Žnidaršič ed Edvard Škerbec.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: